Noleggio Auto in Grecia

Trova le migliori offerte in Grecia

Facilitiamo il confronto di tutte le principali compagnie di autonoleggio. Abbiamo la scelta più vasta e i prezzi migliori.

  • Vasta scelta di auto per tutte le tasche
  • Risparmia fino al 70%
  • 10 anni di esperienza nell'autonoleggio

Noleggiare un’auto in Grecia: le cose da sapere

La Grecia, il cui nome ufficiale è Repubblica Ellenica, è uno Stato membro dell'Unione Europea ed è situato nella zona orientale del continente. La Grecia conta 6000 isole e isolotti; di questi, solo 227 sono abitati. La popolazione è formata da 11 milioni di persone. La Grecia è una Repubblica Parlamentare e la capitale è la città di Atene. La nazione confina a nord con Albania, Macedonia del Nord, Bulgaria e Turchia ed è bagnata dal mar Egeo, dal mar Ionio e dal mare di Creta.

Come tutte le metropoli, Atene è molto trafficata e caotica. Il sistema di parcheggio del Paese è caratterizzato da strisce blu (per residenti permanenti), strisce bianche a pagamento per i visitatori, e strisce gialle per veicoli a scopo commerciale o speciale. Gli orari per il parcheggio per visitatori sono dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 21:00 e il sabato dalle 9:00 alle ore 16:00.

Diverse invece le condizioni nei paesini più piccoli o sulle isole dove spesso e volentieri i mezzi di trasporto più comodi sono i motorini o il trasporto pubblico.

Per quanto riguarda il noleggio auto, esistono tante soluzioni differenti con prezzi molto convenienti. Per l’aeroporto di Atene, in bassa stagione, si parla di soli 4 euro al giorno per una Fiat Panda o simili. Sulle isole, come a Rodi, il prezzo invece è di circa 8 euro al giorno.

Guida della Grecia

Breve storia della Grecia

La storia greca è suddivisa in diverse fasi, influenzate da culture e popoli diversi. Le principali epoche sono la Civiltà Minoica, la Civiltà Micenea, l’Antica Grecia, l’Età Ellenistica, la Dominazione Romana e poi quella Bizantina, il periodo Ottomano ed infine l’epoca moderna.

La civiltà minoica è ricordata soprattutto per il forte potere commerciale che sviluppò nel 2700 a.C. nell’età del bronzo, a Creta, e prende il suo nome dal re Minosse. Oltre al commercio, i minoici furono anche abili artisti e architetti. Infatti, si trovano numerosi reperti sull’isola affreschi, sculture e palazzi. Tra tutti, il meraviglioso palazzo di Cnosso: il principale centro politico, economico e religioso dell’isola.

La civiltà micenea invece corrisponde al periodo che va dal 1600 a.C. fino al 1100 a.C., ampiamente raccontata nei poemi di Omero. La civiltà micenea si sviluppa nella Grecia Continentale e prende il nome dalla città di Micene. Diversamente dalla civiltà minoica, il popolo miceneo era guerriero e conquistatore.

L’epoca dell’Antica Grecia inizia con la prima Olimpiade, nel 776 a.C. La data indicativa per la fine del periodo greco antico corrisponde alla morte di Alessandro Magno, nel 323 a.C. Questo periodo chiamato anche “periodo classico” rappresenta un momento fondamentale dal punto di vista culturale e artistico.

Con la morte di Alessandro Magno, quindi, inizia l’Età Ellenistica anche se fu proprio lui a diffondere la cultura ellenica in molte regioni del mondo generando quell’incontro tra culture diverse e la formazione di correnti di pensieri in ambito scientifico e filosofico.

Con l’arrivo dei romani, la regione fu divisa in quattro piccole repubbliche. I romani lasciarono l'amministrazione locale ai greci senza abolire i loro modelli politici. Inevitabilmente la civiltà romana assimilò la cultura greca e la sua bellezza; Roma invece introdusse le tecnologie, il diritto e le istituzioni politiche.

Durante la fase bizantina, con la Caduta dell’Impero Romano d’Occidente, la Grecia perse importanza a scapito dell’ascesa di Costantinopoli. L’odierna Istanbul, infatti, divenne la Capitale dell’Impero. La Grecia si trasformò in una semplice provincia.

Nonostante ciò, durante il Medioevo, la penisola ellenica tornò ad essere molto importante condividendo con Costantinopoli il potere e lo sviluppo culturale.

Successivamente giunse l’Impero Ottomano che occupò la Grecia dal 1453 fino al 1821. Il 25 marzo 1821, i greci dichiararono l’indipendenza dal potere ottomano e solo dopo le guerre mondiali, negli anni ’70, divenne ufficialmente una Repubblica Democratica.

Cose da fare in Grecia?

Se lo scopo del viaggio in Grecia è ripercorrere la sua millenaria storia, allora è consigliabile scegliere dei tour guidati. Questi itinerari toccano tutte le principali località che hanno la storia Ellenica. Nel dettaglio, vediamo alcune delle cose assolutamente da non perdere.

La Strada del Vino di Nemea

La penisola del Peloponneso è situata ad ovest di Atene ed è ricca di siti storici e archeologici. Qui è possibile ammirare il Canale di Corinto e Nemea: situata a sud di Corinto, questa località produce alcuni dei migliori vini rossi di tutta la Grecia. Nemea, infatti, è una delle capitali della produzione di vini in Grecia e qui è possibile visitare le enoteche testando vini e godendo di splendidi paesaggi. C’è anche un sito archeologico con un tempio che è in ottime condizioni e che è possibile visitare.

La penisola di Mani e l’isola di Cervi

Zona rurale e selvaggia dove ancora il turismo di massa non è arrivato. Lungo le strade della penisola è possibile ammirare degli splendidi panorami. L’Isola di Cervi, invece, si trova a sud del Peloponneso, ed è il luogo in cui si è possibile vedere una delle spiagge più belle della Grecia, la spiaggia di Simos. Sull'isola di Cervi, abitata da soli 750 abitanti, è presente un unico centro abitato che ospita il piccolo porto. Sul lungomare sono presenti negozi e di ristoranti che si affollano di turisti durante la stagione estiva. Uno dei posti più conosciuti del centro abitato dell’isola è la chiesa ortodossa principale ''Agios Spyridon'', collegata alla terraferma tramite un ponte.

Atene

Visitare la Grecia vuole dire vedere assolutamente Atene. La città è famosa in tutto il mondo perché qui è nata la democrazia, è stata sede della scuola filosofica di Platone e città dove sono nati i più grandi pensatori e scienziati che hanno rivoluzionato la matematica, la scienza, la filosofia e la letteratura. La città è la sede del Santo Sinodo della Chiesa di Grecia, presso il Monastero di Petraki. La capitale greca ha una ricchezza culturale che non ha eguali, dall’Acropoli al Tempio di Zeus. Da vedere anche il Museo archeologico nazionale e il mercato all’aperto di Monastiraki. Atene affascina per il suo caotico disordine e per le sue bellezze storiche, una città assolutamente da conoscere e da vivere.

Delfi

Delfi è una città che ospita un bellissimo sito archeologico, uno dei più famosi in Grecia dove ha sede il Tempio di Apollo. La città era considerata il centro del mondo dagli antichi greci, secondo alcune leggende che vedevano come protagonisti Zeus e il volo delle aquile. La Storia Greca fu fortemente influenzata dall’Oracolo di Delfi e dalle sue profezie riferite ad Apollo. Eretto sulle pendici del Monte Parnaso, questo sito patrimonio dell’umanità dell’UNESCO offre una vista mozzafiato sulle montagne e sulla valle. Durante la passeggiata, ammirerete il già citato Tempio di Apollo, il teatro e lo stadio.

Le isole greche

Le isole greche rappresentano un quinto della superficie greca, per un totale di 6000 isole di cui solo 227 sono abitate. Per conoscerle meglio senza perdersi tra nomi e posizione, le isole vengono solitamente raggruppate in arcipelaghi. Tra le più turistiche ricordiamo Isole Ionie con ad esempio Corfù, Cefalonia e Zante; poi le isole Cicladi con, ad esempio, Mykonos e Santorini; le isole del Dodecaneso tra le quali spicca la magnifica Rodi; le isole di Creta con appunto Creta e altre tra le quali Megalonisi e Prasonisi.

Acque cristalline, ottimo cibo e reperti storici fanno di queste isole delle perle nel bel mezzo del mare.

Cosa mangiare in Grecia

La cucina greca è una delle principali cucine del Mediterraneo con elementi che accomunano i paesi che affacciano su questo mare: l’olio d’oliva, le zucchine, le melanzane, i pomodori e il pesce.

Il pasto greco inizia sempre con un antipasto composto da insalata, formaggi e pesce. Segue un piatto principale a base di carne o pesce. Infine, i dolci, al cucchiaio o da forno. I dolci sono molto ricchi e a base di pasta filo, miele e frutta secca; qui si nota quindi la grande influenza dei paesi vicini e dei sapori super golosi.

Il tutto accompagnato da ottime salse fresche o da abbondante olio d’oliva, sempre di ottima qualità.

Infatti, le olive olive sono sempre presenti sulle tavole greche e ce ne sono diverse tipologie come Kalamata, Amfissa, Arta e Calcidica.

Tra i piatti più conosciuti, anche non in Grecia, troviamo gyros ossia un kebab di carne di vitello venduto come street food. La carne viene servita all’interno del pane pita, un pane basso e rotondo che fa da involucro. La carne è condita con pomodori, cipolla e salsa tzatzíki a base di olio mescolato con cetriolo fresco e altri aromi.

Molto popolari anche i piatti da forno come la moussakà, uno sformato di melanzane, patate, ragù e besciamella: una bomba di sapore e calorie che vale la pena assaggiare solo come portata principale.

Molto famosi anche i souvlaki, degli spiedini di carne di maiale, pollo o anche agnello che si trovano ovunque.

Per quanto riguarda il pesce, troviamo l’ottimo polpo alla griglia che dopo essere stato pescato viene lasciato seccare al sole e poi grigliato e condito con sale e origano.

Contorno fresco e mediterraneo è la famosa insalata alla greca, con cetriolo, pomodoro e condita con olio extravergine, origano, olive, peperoni, cipolle fresche a fette, e pezzetti di formaggio feta.

Tra gli altri formaggi DOP greci troviamo l’Anevato fresco di Grevena, il Kopanisti pepato e il Ladotiri di Mykonos, il San Micheli simile al Parmigiano di Syros, lo Sfela della Lakonia, la Formaella di Arahova, il Katiki di Domokos.

La Grecia è anche famosa per vini e distillati, esportati in tutto il mondo. Tra le bevande alcoliche troviamo un liquore tipico a base di anice simile alla Sambuca chiamato Ouzo; l'Ippocrasso, bevanda alcolica a base di vino, ed il rakomelo, bevanda calda aromatizzata al miele.

Alcuni italiani storceranno il naso ma assolutamente da provare è il caffè greco; la bevanda si prepara nel brikki, un contenitore di rame dove l’acqua viene fatta cuocere e bollire con la polvere di caffè. Una volta pronto, si beve il liquido in superficie. Ne esistono delle varianti anche fredde tipo il nostro caffè shakerato.

Trasporti in Grecia

Aeroporti

La Grecia ha in totale 16 aeroporti internazionali. I 2 principali aeroporti della Grecia continentale sono quelli di Atene e Salonicco. Da Atene è possibile raggiungere una determinata meta in circa 1 ora. Le isole greche che hanno un aeroporto con collegamenti diretti con l’Italia sono Cefalonia, Corfù, Creta, Karpathos, Kos, Lefkada, Mykonos, Paros, Rodi, Samos, Santorini, Skiathos e Zante. Questo permette facilmente ai turisti di raggiungere le proprie mete senza scali o viaggi interminabili.

Porti

Sono almeno 80 i porti in Grecia dove è possibile ormeggiare per raggiungere le varie zone greche. Il principale porto della Grecia è il Pireo, uno dei maggiori porti commerciale e per passeggeri in arrivo e in partenza da tutte le parti del mondo. Il porto di Patrasso invece viene poiché unisce la Grecia con tutta l’Europa occidentale, il più grande del Peloponneso che ospita un terminal passeggeri e uno commerciale.

Trasporto locale – bus e treni

Il Trasporto pubblico in Grecia è molto comodo perché tramite gli autobus, buona parte del paese può essere raggiunto con facilità. Le tariffe sono gestite dal governo. È possibile anche utilizzare la linea ferroviaria ove disponibile, anche se limitata. Lo spostamento tra le isole invece avviene tramite il servizio traghetti, ovviamente più frequente durante i mesi di alta stagione.

Hai bisogno di aiuto? Contatta il nostro team di supporto.

La nostra chat dal vivo è disponibile: Lunedì - Venerdì dalle 8:30 alle 17:00. Email: hello@enjoytravel.com

POLITICA TRASPARENTE SUI CARBURANTI DI ENJOY

Domande frequenti (FAQ) su Grecia

Leggi le domande/risposte frequenti e più comuni sull'autonoleggio in Grecia

Il limite di velocità autostradale per le automobili è di 130 km/h. Su altre strade principali il limite per le automobili è di 110 km/h e nelle aree edi superfici costruite 50 km/h. Ricorda però che ci sono ulteriori restrizioni e limiti di velocità in funzione sulle singole strade, è essenziale obbedire alla segnaletica locale.
L’aeroporto di Atene dista 40 km dal centro città.
I cittadini dell'UE possono guidare in Grecia utilizzando la propria patente di guida; i visitatori provenienti da paesi extra-europei potrebbero aver bisogno di ulteriori documenti di viaggio.
I mesi migliori per andare in Grecia sono da aprile a giugno e da settembre a ottobre. .